Stasera a Valdagno si potrà seguire in diretta il passaggio della cometa Ison

 photo 1232832_662733183777422_1969438545_n_zps3805a6fd.jpg

Stasera a Valdagno si potrà seguire in diretta la cometa Ison: se non si frammenterà sarà uno spettacolo impressionante, decine di volte più luminosa della Hale-Bopp del 1997! La serata è patrocinata dal comune di Valdagno e l’ingresso è libero.

Mancano poche ore al momento fatidico: il massimo avvicinamento al Sole da parte della cometa Ison, che avverrà proprio oggi 28 novembre 2013 alle ore 19:30 circa.

La cometa C/2012 S1 denominata “Ison” è stata scoperta il 21 settembre del 2012 e fin da subito si capì che si trattava di una cometa speciale. Proveniente dalla nube di Oort questa cometa potrebbe essere la più spettacolare dal 1997 anno della famosa Hale-Bopp.

“Sono ore molto febbrili – ci spiega Ivo Peretto direttore dell’osservatorio astronomico di Marana di Crespadoro – tutto dipenderà da quel 28 novembre. La vicinanza col Sole sarà critica e la cometa rischia di disintegrarsi o addirittura frantumarsi in decine di piccole comete. Se però dovesse passare indenne prepariamoci a uno spettacolo mozzafiato”.

Per l’evento è stata organizzata, a cura del Gruppo Astrofili “Cieli Perduti” una serata speciale in sala Soster, presso palazzo Festari a Valdagno a partire dalle ore 19:00 del 28 novembre. Ci sarà la possibilità di assistere in diretta al passaggio al perielio della Ison grazie al satellite Nasa-Esa “Soho” che invia immagini in tempo reale ogni 20 minuti, in più saranno in collegamento via Skype dall’osservatorio astronomico di La Palma (isole Canarie) il professor Cesare Barbieri e l’astrofisico Mauro Barbieri, entrambi dell’Università di Padova, che spiegheranno cosa sta succedendo alla cometa e quali scenari aspettarsi per i prossimi giorni. Evento unico nel suo genere.

In attesa dei collegamenti, alle 20.30, una illustrazione a video sulle comete del 2013 tenuta da Carlo Negri, divulgatore dell’osservatorio di Marana.

 

 

 

 

Redazione web 28-11-2013

1 commento

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui