Visita internazionale all’Arcade Story

Arcade Story

Dopo il successo della seconda edizione del Festival Anni ’80, Arzignano varca i confini italiani e attira l’attenzione di una scuola Danese. Si tratta della  Vallekinde, scuola di Copenhagen che nei mesi scorsi ha contattato Antonio Nati, collezionista di videogames e uno dei personaggi di rilievo del Festival Arzignanese.

L’idea di portare in piazza i giochi più famosi e affascinanti degli anni ’80 nell’evento organizzato a settembre di quest’anno, si è diffusa velocemente fra gli appassionati, tanto da catturare l’interesse di una scolaresca di dieci  ragazzi e due insegnanti di Copenhagen.

Il gruppo in visita in Italia, dopo aver visitato la sede di Arcade Story mercoledì scorso a Tezze di Arzignano, ha poi i fatto tappa in Comune dove ha incontrato il sindaco Alessia Bevilacqua e l’assessore alla Cultura Giovanni Fracasso. «Una piacevole sorpresa e un riconoscimento ad un patrimonio nazionale che raccoglie ben 400 giochi cabinati da collezione. Un riconoscimento ulteriore per una piccola eccellenza di Arzignano di cui non si può non andare fieri» spiega Fracasso.

Donkey Kong, Pac Man, e Space Invaders ma anche flipper, gadget e un gioco elettromeccanico del ’68 tra la collezione che ha suscitato l’ammirazione e lo stupore dei ragazzi, un gruppetto tra i 19 e i 24 anni.

Nata nel 2017, da Nati, Arcade Story acquista dagli Stati Uniti i migliori giochi Arcade per metterli a disposizione del noleggio, per eventi fieristici, oppure per la vendita a privati, facendo scoprire alle nuove generazioni la storia che si cela dietro a joystick e pulsanti.

Redazione web
12/10/2021

Invia la risposta

Lascia il tuo commento
Scrivi il tuo nome qui